Check Sollevamento carichi - Piani di sicurezza

Vai ai contenuti

Menu principale:

Check List

In questa sezione e' possibile visionare le liste di controllo inerenti gli apparecchi di sollevamento dei carichi.

 

SEZIONE VII - APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO DEI CARICHI

 

PUNTO DI VERIFICA

RIFERIMENTO

C

NC

NA

ACCESSORI DI SOLLEVAMENTO

1.     

Marcatura

Gli accessori di sollevamento devono essere attentamente e adeguatamente scelti e utilizzati. Allo scopo devono essere marcati in modo da poterne identificare le caratteristiche essenziali ai fini di un’utilizzazione sicura.

Art. 71, cc. 2 e 3 e p.ti 3.1.6 e 3.1.7, parte II, dell'All. V, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

D.Lgs. 17/2010 All.I p.to 4.1.2.5

UNI ISO 4308; 4779; 8792; 9926; 15513; 23853;

UNI EN 1492; 1677; 12644-1; 13414-1; 13889

 

 

 

2.     

Adeguatezza accessori di imbracatura

Gli accessori di imbracatura devono essere scelti in base al carico da movimentare, dei punti di presa, del dispositivo di aggancio, delle condizioni atmosferiche nonché tenendo conto del modo e della configurazione dell'imbracatura.

Art. 71, c. 3 e punto 3.1.6 dell’All. VI, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

3.     

Adeguatezza attacchi delle funi e delle catene

Gli attacchi delle funi e delle catene devono essere eseguiti in modo da evitare sollecitazioni pericolose, nonché impigliamenti o accavallamenti.

Le estremità libere delle funi, sia metalliche, sia composte di fibre, devono essere provviste di piombatura o legatura o morsettatura, allo scopo di impedire lo scioglimento dei trefoli e dei fili elementari.

Art. 71 c. 1 e p.to 3.1.12 parte II dell'Allegato V, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

4.     

Chiusura imbocco del gancio

Il gancio deve essere dotato di chiusura dell'imbocco.

Artt. 70 c. 2 e 71, c. 1, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i. e norma UNI EN 1677-22 p,to 5.61.

 

 

 

5.     

Danneggiamento accessori per il sollevamento

Gli accessori di sollevamento devono essere depositati in modo tale da non essere danneggiati o deteriorati.

Art. 71, c. 3 e p.to 3.1.7 dell’allegato VI, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

6.     

Portata ammissibile del gancio

I ganci utilizzati nei mezzi di sollevamento e di trasporto devono portare in rilievo o incisa la chiara indicazione della loro portata massima ammissibile.

Artt. 70, c. 2, 71, c. 1 e p.to. 3.1.3 della parte II Allegato V, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

CARTELLI

7.     

Cartelli sull'uso e modalità di manovra

Le modalità di impiego degli apparecchi di sollevamento e di trasporto ed i segnali prestabiliti per l’esecuzione delle manovre devono essere richiamati mediante avvisi chiaramente leggibili.

Art. 71 c. 1 e p.to 3.1.15 parte II dell'Allegato V, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

8.     

Diagramma dei carichi

Le macchine adibite al sollevamento di carichi, escluse quelle azionate a mano, devono recare un’indicazione chiaramente visibile del loro carico nominale e, all’occorrenza, una targa di carico indicante il carico nominale di ogni singola configurazione della macchina.

Artt. 70, c. 2, 71, c. 1 e p.to. 3.1.3 della parte II Allegato V, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

CONFORMITA’, ADEGUATEZZA E STABILITA’

9.     

Adeguatezza apparecchio di sollevamento

Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché le attrezzature di lavoro siano adeguate al lavoro da svolgere.

Art. 71 c. 1, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

10.   

Conformità apparecchi di sollevamento carichi

Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché le attrezzature di lavoro siano conformi ai requisiti di cui all’art. 70.

Art. 71, c. 1, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

Artt. 3, c. 1 e 4, D.Lgs. 17/2010

 

 

 

11.   

Solidità e stabilità

Le attrezzature di lavoro adibite al sollevamento di carichi installate stabilmente devono essere costruite in modo da assicurare la solidità e la stabilità durante l’uso tenendo in considerazione innanzi tutto i carichi da sollevare e le sollecitazioni che agiscono sui punti di sospensione o di ancoraggio alle strutture.

Art. 71, c. 1 e p.to 3.1.1 dell'Allegato V parte II, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

12.   

Stabilità gru mobili

Nell'utilizzo degli apparecchi di sollevamento dei carichi mobili si devono prendere le misure onde evitare l’inclinarsi, il ribaltamento e, se del caso, lo spostamento e lo scivolamento dell’attrezzatura di lavoro.

Art. 71, c. 3 e p.to 3.2.2 dell'All. VI, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

CONTROLLI E VERIFICHE

13.   

Controlli apparecchi di sollevamento dei carichi

Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché le attrezzature di lavoro siano sottoposte, secondo le indicazioni fornita dai fabbricanti o, in assenza di queste, dalle pertinenti norme tecniche o dalle buone prassi o da linee guida, ai controlli di prima o successiva installazione, della messa in esercizio nonché agli eventuali controlli periodici e straordinari a cura di persone competenti.

Art. 71, c. 8 e art. 95, c. 1, lett. d), D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

14.   

Controlli trimestrali funi e catene

Le funi e le catene debbono essere sottoposte a controlli trimestrali in mancanza di specifica indicazione da parte del fabbricante.

Art. 71, c. 3, art. 95, c. 1, lett. d) e p.to 3.1.2 dell'Allegato VI, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

15.   

Verifiche apparecchi di sollevamento dei carichi di cui all'allegato VII

Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché le attrezzature di lavoro siano, limitatamente alle attrezzature di lavoro riportate nell’allegato VII, sottoposte alle verifiche periodiche, con la frequenza indicata nel medesimo allegato, a cura dell’INAIL e della ASL.

Art. 71, c. 11 e All. VII, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

DISPOSITIVI DI SICUREZZA

16.   

Dispositivi acustici e luminosi

I mezzi di sollevamento e di trasporto quando ricorrano specifiche condizioni di pericolo devono essere provvisti di appropriati dispositivi acustici e luminosi di segnalazione e di avvertimento, nonché di illuminazione del campo di manovra.

Art. 71, c. 1 e p.to 3.1.7 dell'Allegato V parte II, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

17.   

Dispositivo di freno

Gli argani o verricelli azionati a mano per altezze superiori a 5 metri devono essere muniti di dispositivo che impedisca la libera discesa del carico.

Artt. 70, c. 2, 71, c. 1 e p.to. 3.3.2 della parte II Allegato V, D.Lgs. 81/2008 e s. m.e i.

 

 

 

FORMAZIONE E ADDESTRAMENTO

18.   

Uso riservato a lavoratori specificatamente incaricati

Qualora le attrezzature richiedano per il loro impiego conoscenze o responsabilità particolari in relazione ai loro rischi specifici, devono essere prese le misure necessarie affinché il loro uso sia riservato ai lavoratori allo scopo incaricati che abbiano ricevuto una informazione, formazione ed addestramento adeguati.

Art. 37, comma 1 e 73, comma 1, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE

19.   

Installazione conforme

Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché le attrezzature di lavoro siano installate in conformità alle istruzioni d'uso.

Art. 71, c. 4, lettera a.1, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

20.   

Manutenzione apparecchi

Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché le attrezzature di lavoro siano oggetto di idonea manutenzione.

Art. 71, c. 4, lett. a.2), D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

INTERFERENZE

21.   

Distanza dalla linee elettriche in tensione

ei lavori non elettrici in prossimità di linee elettriche in tensione a conduttori nudi si deve rispettare almeno una delle seguenti precauzioni:

a) mettere fuori tensione ed in sicurezza le parti attive per tutta la durata dei lavori;

b) posizionare ostacoli rigidi che impediscano l’avvicinamento alle parti attive;

c) tenere in permanenza, persone, macchine operatrici, apparecchi di sollevamento, ponteggi ed ogni altra

attrezzatura a distanza di sicurezza.

Art. 117 D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

22.   

Interferenza tra gru

Quando due o più attrezzature di lavoro che servono al sollevamento di carichi non guidati sono installate o montate in un luogo di lavoro di modo che i loro raggi d’azione si intersecano, è necessario prendere misure appropriate per evitare la collisione tra i carichi e/o elementi delle attrezzature di lavoro stesse.

Art. 71, c. 3, e p.to 3.2.1 dell'Allegato VI, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

MODALITA’ D’USO

23.   

Aggancio e sgancio dei materiali

Le operazioni di aggancio e sgancio manuale dei carichi devono essere effettuate in massima sicurezza.

Art. 71, c. 3 e p.to 3.2.4 dell'All. VI, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

24.   

Capomanovra per non completa visibilità della traiettoria del carico

Se l’operatore di un’attrezzatura di lavoro che serve al sollevamento di carichi non guidati non può osservare l’intera traiettoria del carico né direttamente né per mezzo di dispositivi ausiliari in grado di fornire le informazioni utili, deve essere designato un capomanovra in comunicazione con lui per guidarlo e devono essere prese misure organizzative per evitare collisioni del carico suscettibili di mettere in pericolo i lavoratori.

Art. 71, c. 3, e p.to 3.2.3 dell'Allegato VI, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

25.   

Carichi sospesi

Non è consentito far passare i carichi al di sopra di luoghi di lavoro non protetti e abitualmente occupati dai lavoratori, salvo non sia possibile fare altrimenti, nel qual caso devono essere definite procedure appropriate.

Art. 71, c. 4 e p.to 3.1.5 dell'All. VI, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

26.   

Carichi sospesi fuori servizio

I carichi sospesi non devono rimanere senza sorveglianza, salvo il caso in cui l’accesso alla zona di pericolo sia precluso e il carico sia stato agganciato e sistemato con la massima sicurezza.

Art. 71, c. 3, e p.to 3.2.6 dell'Allegato VI, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

27.   

Condizioni meteorologiche avverse

L’utilizzazione all’aria aperta di attrezzature di lavoro che servono al sollevamento di carichi non guidati deve essere sospesa allorché le condizioni meteorologiche si degradano ad un punto tale da mettere in pericolo la sicurezza di funzionamento esponendo così i lavoratori a rischi. Si devono adottare adeguate misure di protezione per evitare di esporre i lavoratori ai rischi relativi e in particolare misure che impediscano il ribaltamento dell’attrezzatura di lavoro.

Art. 71, c. 3, e p.to 3.2.7 dell'Allegato VI, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

28.   

Segregazione della gru con rotazione in basso

Le gru con rotazione bassa devono avere la zona con pericolo di schiacciamento idoneamente segregata così come definito al punto 6.1 parte I dell’allegato V.

Art. 71, c. 1, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

29.   

Sollevamento materiali minuti

Il sollevamento dei laterizi, pietrame, ghiaia e di altri materiali minuti deve essere effettuato esclusivamente a mezzo di benne o cassoni metallici. Non sono ammesse le piattaforme semplici e le imbracature.

Art. 71, c. 3 e p.to 3.2.8 dell’allegato VI, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

30.   

Tiro doppio

Tutte le operazioni di sollevamento devono essere correttamente progettate nonché adeguatamente controllate ed eseguite al fine di tutelare la sicurezza dei lavoratori. In particolare, quando un carico deve essere sollevato simultaneamente da due o più attrezzature di lavoro che servono al sollevamento di carichi non guidati, si deve stabilire e applicare una procedura d’uso per garantire il buon coordinamento degli operatori.

Art. 71, c. 3, e p.to 3.2.5 dell'Allegato VI, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

31.   

Urto dei carichi con lavoratori e caduta dei carichi

Le attrezzature di lavoro adibite al sollevamento di carichi installate stabilmente devono essere disposte in modo tale da ridurre il rischio che i carichi:

a) urtino le persone,

b) in modo involontario derivino pericolosamente o precipitino in caduta libera, ovvero

c) siano sganciati involontariamente.

Artt. 70, c. 2, 71, c. 1 e p.to. 3.1.3 della parte II Allegato V, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

32.   

Uso conforme degli apparecchi di sollevamento dei carichi

Gli apparecchi di sollevamento dei carichi devono essere utilizzati conformemente alle disposizioni legislative di recepimento delle direttive comunitarie.

Art. 71, c. 1, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

33.   

Utilizzo secondo condizioni

Il datore di lavoro prende le misure necessarie affinché le attrezzature di lavoro siano utilizzate per operazioni e secondo condizioni per le quali sono adatte mediante l’adozione di adeguate misure tecniche ed organizzative tra le quali quelle previste nell’allegato VI.

Art. 71, c. 3, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

34.   

Visibilità e sicurezza dei posti di manovra

I posti di manovra dei mezzi ed apparecchi di sollevamento e di trasporto devono:

a) potersi raggiungere senza pericolo;

b) essere costruiti o difesi in modo da consentire l’esecuzione delle manovre, i movimenti e la sosta, in condizioni di sicurezza;

c) permettere la perfetta visibilità di tutta la zona di azione del mezzo.

Art. 71 c. 1 e p.to 3.1.13 parte II dell'All. V, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

NOLO O CONCESSIONE

35.   

Nolo o concessione in uso

Chiunque venda, noleggi o conceda in uso o locazione finanziaria macchine, apparecchi o utensili costruiti o messi in servizio al di fuori della disciplina di cui all’art. 70 comma 1, deve attestare, sotto la propria responsabilità, che le stesse siano conformi, al momento della consegna a chi acquisti, riceva in uso, noleggio o locazione finanziaria, ai requisiti di sicurezza di cui all'allegato V.

Art. 72, c, 1, D.Lgs. 81/2008 e s. m. e i.

 

 

 

 

 
Torna ai contenuti | Torna al menu